“La forza ondivaga del passato” di Gianluigi Pallotta: un romanzo nel quale immedesimarsi

a dura di lalibreriadimommy.altervista.org

Appena ho letto la trama di questo romanzo, sono subito stata rapita, infatti, non mi sono sbagliata, ho amato moltissimo questo libro.
James, il protagonista, scappa dal passato turbolento e si rifugia lontano da tutto e da tutti, facendoci fare un viaggio nei suoi pensieri e nel suo passato non proprio lindo e pinto, ma che ci farà capire il perché di tanti suoi atteggiamenti ed il motivo del suo allontanamento alla vita precedente.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

“Due a due” di Grazia Marzolla: un viaggio fatto di emozioni forti

a dura di ilparadisotralerighe.wordpress.com

Storia di una famiglia, di donne che si amano e che si aiutano, si danno forza, quando la vita non sempre si dimostra clemente.
Luana, ragazza dolce, disponibile e aperta al mondo con gioia, è una figura in continua evoluzione, non rimane mai statica, ma la sua voglia di vivere le permette di essere piena di energie. La ragazza perde purtroppo il papà quando era ancora in tenera età, e di lei si occuperanno la mamma Maria e la nonna Teresa.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

“L’oscurità dell’anima” di Anna Maria Lella: una storia tesa e imprevedibile

dalla redazione di libriamociblog.it

Dal 1630 aleggia su Milano la leggenda del Diavolo di Porta Romana, un uomo che, nel pieno dell’epidemia di peste e quindi di terrore e morte, non perse occasione per festeggiare, invitare illustri ospiti nel suo palazzo o girare per le strade della città ostentando ricchezza sulla sua carrozza nera trainata da sei cavalli. Cronache dell’epoca riportano stralci di descrizioni fatte su Ludovico Acerbi, l’uomo che tutti ritenevano potesse essere satana in persona e, anno dopo anno, secolo dopo secolo, il suo nome ha continuato ad alimentare leggende e storie permettendo la diffusione di materiale utile a ispirarne di nuove.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

“L’ultima rosa di aprile” di Simona Bertocchi: un romanzo storico emozionante, dove amore e arte si fondono completamente

a cura di septemliterary.altervista.org

“L’ultima rosa di aprile” è un romanzo storico con una vena poetica e romantica che ti incanta fin dalle prime pagine, dove si esalta la bellezza e l’amore, ma senza tralasciare la parte storica in cui è ambientato: Firenze del XV secolo, la culla del rinascimento italiano, uno dei periodi più fiorenti in campo artistico del nostro paese.
Simona Bertocchi ha scelto di raccontare una delle donne più enigmatiche della storia, ovvero Simonetta Cattaneo Vespucci, entrata nel mito grazie al dipinto “la Venere” di Botticelli e di cui si hanno pochissime informazioni sulla sua vita privata.

Continua a leggere sul sito

Acquista i libri di Simona Bertocchi

“Sotto la città e altre storie” di Stefano Frigieri: una raccolta di racconti frizzante e ben curata nei dettagli

a cura della redazione di scrittorindipendenti.com

Sotto la città e altre storie è un’antologia di racconti di Stefano Frigieri. 
Recensirlo devo dire che è stato gradevole, anche perché a dire la verità, amo il genere horror – si intende – se è scritto bene. Ma ora veniamo a noi e parliamo dei dieci racconti, uno completamente diverso dall’altro.
La prima cosa che mi è saltata agli occhi, nonché alla mente, è stata la fluidità della scrittura. Mi sembra giusto specificare, che lo stile semplice e realistico mi ha introdotto d’amblée a ogni racconto, ai periodi ben ordinati e soprattutto ben delineati in ogni loro parte, senza errori, senza perifrasi inutili che avrebbero potuto appesantirne la scorrevolezza.
L’autore si è rivelato molto accorto nella ricerca dei periodi storici, non commettendo incongruenze, che molto spesso troviamo negli sbalzi temporali o i cosiddetti Flashback di cui sono amante. 
Ho apprezzato la serietà con la quale l’autore racconta con competenza adeguata, ma senza strafare per dimostrare al lettore: “Vedi quanto sono bravo?”. Un’umiltà che ammiro molto negli autori. 

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

Intervista a Marco Palagi, autore del romanzo “Chiamami papà”

a cura della redazione di atuttovolumelibri.it

1 – Come è nata l’idea di scrivere il tuo libro “Chiamami papà”?

Nasce circa quattordici anni fa, dopo aver pubblicato il mio precedente romanzo “L’amore è un campo di battaglia”, dal quale ho ripreso il protagonista Lorenzo. Sentivo che il personaggio poteva dire ancora qualcosa, volevo che crescesse e trovasse il suo equilibrio e mi divertiva scrivere delle avventure di un becchino. Inoltre, ho sempre desiderato un figlio e poter raccontare una storia sulla paternità è stato un modo per “realizzare” in qualche modo questo mio desiderio.

2 – Mi descriveresti il tuo libro con tre aggettivi?

Vero. Doloroso. Tenero.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

“Se domani ti arrivano dei fiori” di Alida Airaghi: la separazione attraverso gli occhi di due coniugi quarantenni

a cura della redazione di glistatigenerali.com

Si tratta di un racconto di cinquanta cartelle in cui si confrontano due coniugi quarantenni in procinto di separarsi. Rievocano, commuovendosi o accusandosi vicendevolmente, vari episodi della loro vita di coppia, dal primo incontro all’inevitabile decisione di divorziare. Ogni intervento, differenziato tipograficamente (tondo lui corsivo lei), occupa venti-trenta righe per pagina, rimanendo circoscritto in un ambito esclusivamente privato, di quotidianità comune a molte coppie.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book