“Anime perse” di Claudia Jeraci: un romanzo metafora della quotidianità

a cura della redazione di hermesmagazine.it

La storia, lunga circa 500 pagine, narra le vicende di Emily Walsh, adolescente introversa che frequenta la scuola di La Cross. Il romanzo è ambientato in Irlanda, nella città di Fethard. Emi ha un piccolo gruppo di amici suoi coetanei – John, Carlo, Nataly e Sam – con cui condivide gioie e dolori, come accade tipicamente alla sua età. Tuttavia, da qualche tempo sente il bisogno di estraniarsi dal mondo che la circonda e di ritirarsi nella sua bolla, in cui si sente al sicuro. La ragazza, che apparentemente vive una vita tranquilla e monotona, sta in realtà attraversando una fase di cambiamento molto importante, che le stravolgerà l’intera esistenza. Inizialmente, a turbarla sono solo gli incubi rincorrenti

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

“Anime perse” di Claudia Jeraci: i personaggi come tanti tasselli che compongono un quadro variegato tra realtà e fantasia

a cura della redazione di libriperdue.it

Emily è una giovane studentessa come tante. La sua vita trascorre tranquilla tra le giornate a scuola ed il tempo passato in compagnia del suo fidato gruppo di amici.
La sua quotidianità viene sconvolta quando inizia a sognare una donna misteriosa, un sogno, quasi un incubo, che la rende irrequieta e in costante agitazione.
Chi è quella donna? Costa sta cercando da Emily?

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

“Anime perse” di Claudia Jeraci: un romanzo per chi ama le atmosfere cupe

a cura della redazione di divoratricedilibri

…di questo romanzo ho apprezzato ampiamente l’originalità. Non ho mai letto niente del genere anche se sono consapevole dell’esistenza di questi sottogeneri del fantasy, quindi questo è stato un punto a favore del romanzo. Emily, dal suo primo incontro con il suo potere, rimane molto spaventata, spaventata dalla sua forza, da quello che a questo punto è in grado di fare, soprattutto perché non è più così tanto sicura di se e non sa se vuole davvero questo potere o no.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book

Intervista a Claudia Jeraci, autrice di “Anime perse”

a cura della redazione di voceailibri.wordpress.com

1. Come mai hai deciso di “buttarti” in questa prova da scrittrice?
Diciamo che non mi ci sono proprio buttata, lo faccio da sempre e inizio a pensare che sia una cosa che non smetterò mai di fare. Ho iniziato quando ero piccola, scarabocchiando disegni e qualche frase, poi andando avanti ho avuto un diario (come tutte credo) finché non mi sono appassionata ai libri e perciò, alla scrittura di romanzi.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book