“Un gioco di specchi”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Un gioco di specchi, Elisabetta Innocenti, Giovane Holden. Raccolta di racconti in cui si narrano vicende alternando i punti di vista dei protagonisti, che tramite le loro differenze compongono ciascuno per la sua parte il caleidoscopio della verità, universale proprio perché fatta di innumerevoli particolari, Un gioco di specchi, con abile stile, indaga, valicando i confini dei generi, la condizione umana in tutti i suoi colori e sapori, tra ripetizioni, agnizioni, e corrispondenze, l’amore, la fedeltà o il tradimento, così come l’accettazione o la ribellione verso le convenzioni sociali. Da leggere.

View original post

“Un gioco di specchi”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Un gioco di specchi, Elisabetta Innocenti, Giovane Holden. Raccolta di racconti in cui si narrano vicende alternando i punti di vista dei protagonisti, che tramite le loro differenze compongono ciascuno per la sua parte il caleidoscopio della verità, universale proprio perché fatta di innumerevoli particolari, Un gioco di specchi, con abile stile, indaga, valicando i confini dei generi, la condizione umana in tutti i suoi colori e sapori, tra ripetizioni, agnizioni, e corrispondenze, l’amore, la fedeltà o il tradimento, così come l’accettazione o la ribellione verso le convenzioni sociali. Da leggere.

View original post

“Vertigine grigia”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Vertigine grigia, Alfredo Mirandola, Giovane Holden. In una anomala clinica psichiatrica, gestita con metodi all’avanguardia dal professor Romalinda, si intrecciano le vicende di due pazienti, un sessantenne ex scrittore affetto da psicosi e un trentenne che ha l’anima sconquassata da un terribile disturbo da stress post traumatico, a seguito di un incidente di cui si sente responsabile. Incapace di affidarsi ai medici, tormentato da una misterica figura grigia che lo chiama a sé, non risponde ad alcuna terapia tradizionale. Ma… Trascinante.

View original post

“Il passo dell’elica”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Il passo dell’elica, Ermanno Gelati, Giovane Holden. Marc Veillard, sposato, ma non in modo particolarmente felice, con Dora, a sua volta ingabbiata nel ruolo di moglie perfetta che si è costruita, segreta passione del migliore amico di Marc, è un appassionato di volo, e nulla gli procura maggior piacere che pilotare il suo Cessna nei cieli dell’Alta Savoia: in questo anomalo triangolo sentimentale tuttavia si innestano anche le vicende di un’altra coppia, e quando un evento drammatico cambia tutto per sempre, ecco che le domande lasciate irrisolte si stagliano con veemenza all’attenzione del lettore, chiamato a mettersi in gioco in questa raffinata commedia umana dai toni gialli che si interroga sul tradimento, sulla perdita e sul perdono nella vita affettiva.

View original post

“Nel modo che conoscono gli spiriti”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Nel modo che conoscono gli spiriti, Aurora Moon, Giovane Holden. Quando Joy, curioso e spaesato – del resto, non è che un adolescente, e la sola cosa bella dell’età verde è il suo precoce finire… -, esce nella notte innevata per cercare la sua gatta, non può immaginare di essere sulla soglia di un’avventura pazzesca che lo porterà al cospetto di incubi e visioni, forse: il buio comincia ad animarsi di stranezze, e in cui i suoi ricordi sembrano mescolarsi a quelli di qualcun altro. Che sia anche questo, se non soprattutto questo, il crescere? Da leggere.

View original post

“Il bello non sazia”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Il bello non sazia, Ilarione Loi, Giovane Holden. Brillante e divertente, ambientata in un’Italia futura ma non troppo, questa storia corale induce al diletto e alla riflessione: nel tempo molte cose sono cambiate, il paese è tornato a essere una monarchia, l’arte è stata messa al bando, le religioni sono ormai estinte e nella popolazione si nascondono nuove razze mutanti, che si alimentano attraverso cibi assai particolari, come atti di gentilezza, bellezza o paura… Simbolico, distopico, profondissimo.

View original post

“Nel buio della notte” di Micol Fusca: un libro dalle emozioni forti!

a cura di lalibreriadimommy.altervista.org

Si professa un libro un Fantasy, ma credo sia molto di più che un Fantasy perché, leggendolo con molta calma e attenzione, tratta tematiche forti e profonde come la paura, la gelosia, il rancore, la violenza e, soprattutto, l’amore in moltissime sfaccettature. Questa è la storia di un bambino di nome Nicolas gravemente malato, il cui fratello, notando tutta l’attenzione verso il maggiore, diventa geloso e una notte, lasciando la finestra aperta, desidera che un mostro entri da lì e si divori Nicolas.

continua a leggere sul sito

Acquista su www.giovaneholden.it

Recensione ai film “Beautiful boy”, “Quattro buone giornate” e al libro “La casa degli sguardi”

a cura di Claudia Cangemi

Due film e un romanzo per un tema purtroppo ancora e sempre (o di nuovo) di scottante attualità: la dipendenza dalle droghe e dall’alcol. Il primo, “Beautiful boy” (diretto da Felix Van Groeningen), è il racconto del rapporto tra un padre di successo e il figlio ventenne, nel secondo, “Quattro buone giornate” (regia di Rodrigo Garcia), si parla di una donna avanti con gli anni e della figlia trentenne, madre a sua volta di due ragazzini cresciuti senza di lei. La tossicodipendenza è insieme alla malattia mentale la condizione più difficile e dolorosa per gli equilibri familiari, ed entrambi i film sanno rendere con grande efficacia il tormento del genitore, lacerato tra l’amore per il/la figlio/a e la necessità di respingerlo/a senza pietà per tentare di salvarlo/a. Un travaglio accompagnato da mille dubbi e sensi di colpa che quasi sempre ha conseguenze sull’intero nucleo familiare, con divorzi e “fughe” di fratelli e sorelle in cerca di un po’ di serenità e di una quotidianità che non sia fonte perpetua di stress e angoscia.

Sia “Beautiful boy” che “Quattro buone giornate” sono ben diretti e coinvolgenti, a tratti commoventi, e si avvalgono di interpretazioni magistrali: in particolare segnalo Glen Close, la madre, e Mila Kunis in quello della figlia. Credo sarebbe molto utile mostrare uno o entrambi i lungometraggi nelle scuole superiori: particolarmente efficace la testimonianza di Molly, la ragazza di “Quattro buone giornate” davanti a una classe di liceo.

Lo stesso tema torna nel romanzo “La casa degli sguardi” di Daniele Mencarelli, racconto autobiografico della dipendenza da alcol dello scrittore, a 25 anni già devastato e in balia di impulsi autodistruttivi e alla continua ricerca della “dimenticanza” di un mondo che lo ferisce senza tregua. A sua volta Daniele non riesce a smettere di tormentare e devastare i suoi cari (e in particolare la madre) che gli restano accanto nonostante tutto. Un romanzo duro, ma anche il diario della più sorprendente delle rinascite, attraverso il lavoro duro nell’inferno del dolore delle creature più innocenti: i bambini ricoverati all’ospedale Bambino Gesù di Roma.

Tutte storie vere che hanno il sapore dell’autenticità, senza retorica o buoni sentimenti e senza sconti alla crudezza di situazioni degradanti. Da vedere e da leggere, anche per capire meglio la condizione di tanti ragazzi tornati schiavi del buco (o del bicchiere) come negli anni ’80.

Il secondo film che vi consiglio è di altro genere, ma non poi tanto: “The good nurse” di Tobias Lindolm con gli strepitosi Jessica Chastain e Eddie Redmayne (su Netflix) è la storia vera di Charlie Cullen, un infermiere che tra il 1988 e il 2003 uccise con overdose di insulina non meno di 40 pazienti in 16 diversi ospedali degli Stati Uniti (ma potrebbero essere addirittura 400). I dirigenti di tutti gli ospedali, anziché avviare serie indagini o meglio ancora denunciare alle autorità giudiziarie i loro sospetti su una serie anomala di decessi, insabbiarono tutto, limitandosi a licenziare Cullen con qualche pretesto e permettendogli così di continuare a uccidere i pazienti degli altri ospedali in cui veniva assunto. Se alla fine fu fermato, fu solo per merito della coraggiosa infermiera Amy Loughren, cara amica di Charlie, e di due ostinati detective. Cullen, che non disse mai perché aveva ucciso tanti sconosciuti, limitandosi a dire “Non mi hanno fermato”, fu condannato a 18 ergastoli dopo essersi dichiarato colpevole di 29 uccisioni. Non si arrivò quindi mai a processo e soprattutto nessuno dei dirigenti degli ospedali coinvolti fu mai chiamato a rispondere del suo criminale operato. 

E non si tratta di storie “lontane” che da noi non potrebbero verificarsi: basta ricordare cos’è accaduto all’ospedale di Saronno, dove il medico Leonardo Cazzaniga e l’infermiera Laura Taroni hanno ucciso forse 15 persone tra familiari e pazienti dell’ospedale. E dove le segnalazioni dei colleghi sono state a lungo ignorate o sottovalutate. 

Due film da vedere, insomma, che inducono amare ma importanti riflessioni sulla deresponsabilizazione di una società che in nome del dio denaro tradisce la propria missione e inganna le persone che dovrebbe rispettare e proteggere.

Recensione ai film “Un altro mondo” e “The good nurse”

a cura di Claudia Cangemi

Il cinema “impegnato” sforna ancora ottimi prodotti, che rischiano di perdersi nel “mare magnum” dell’ormai sterminata offerta televisiva, che rischia di disorientare anche i più attenti e golosi cinefili. Condivido volentieri quindi le impressioni su un paio di film che ho visto e apprezzato in questi giorni in tv: il primo si intitola “Un altro mondo” di Stéphane Brizé (io l’ho visto su Sky): è la storia del dirigente della filiale francese di una multinazionale, molto interessante e realistico, racconta un ambiente di lavoro feroce e disumanizzato, un “sistema” amorale e spietato che è ormai diventato la regola un po’ in tutti i Paesi e di sicuro anche in Italia. 

Il secondo film che vi consiglio è di altro genere, ma non poi tanto: “The good nurse” di Tobias Lindolm con gli strepitosi Jessica Chastain e Eddie Redmayne (su Netflix) è la storia vera di Charlie Cullen, un infermiere che tra il 1988 e il 2003 uccise con overdose di insulina non meno di 40 pazienti in 16 diversi ospedali degli Stati Uniti (ma potrebbero essere addirittura 400). I dirigenti di tutti gli ospedali, anziché avviare serie indagini o meglio ancora denunciare alle autorità giudiziarie i loro sospetti su una serie anomala di decessi, insabbiarono tutto, limitandosi a licenziare Cullen con qualche pretesto e permettendogli così di continuare a uccidere i pazienti degli altri ospedali in cui veniva assunto. Se alla fine fu fermato, fu solo per merito della coraggiosa infermiera Amy Loughren, cara amica di Charlie, e di due ostinati detective. Cullen, che non disse mai perché aveva ucciso tanti sconosciuti, limitandosi a dire “Non mi hanno fermato”, fu condannato a 18 ergastoli dopo essersi dichiarato colpevole di 29 uccisioni. Non si arrivò quindi mai a processo e soprattutto nessuno dei dirigenti degli ospedali coinvolti fu mai chiamato a rispondere del suo criminale operato. 

E non si tratta di storie “lontane” che da noi non potrebbero verificarsi: basta ricordare cos’è accaduto all’ospedale di Saronno, dove il medico Leonardo Cazzaniga e l’infermiera Laura Taroni hanno ucciso forse 15 persone tra familiari e pazienti dell’ospedale. E dove le segnalazioni dei colleghi sono state a lungo ignorate o sottovalutate. 

Due film da vedere, insomma, che inducono amare ma importanti riflessioni sulla deresponsabilizazione di una società che in nome del dio denaro tradisce la propria missione e inganna le persone che dovrebbe rispettare e proteggere.