“Celeste, la bella” di Francesca Maffei: le storie di famiglia si tingono di giallo

a cura della redazione di Varesenoi.it

«Nel 2005 ho capito di colpo che mi sarebbe piaciuto tentare la strada del romanzo, ma ancora mi mancava lo spunto, l’idea forte, arrivata poi grazie alle ricerche materne. Ho incominciato a scrivere i primi capitoli, poi un’estate ho deciso di partire per Pisticci per approfondire le ricerche e respirare l’aria del luogo che aveva fatto da sfondo alla vicenda di Celeste e Francesco. Sono tornata a Varese carica e decisa a terminare il libro, grazie anche ai nuovi elementi emersi dai documenti ritrovati là», spiega Francesca, che divide la sua esistenza tra l’asilo, lo sport e la scrittura.

Continua a leggere sul sito

Acquista il libro in versione cartacea o in versione e-book