“Le forme del silenzio”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Le forme del silenzio, Agata De Luca, Giovane Holden. Non è che una lieve e vaga sensazione quella che avverte Mal Dorison, criminologa italiana trapiantata in Inghilterra, quando osserva la scena in apparenza del tutto usuale su cui fa terribile mostra di sé il corpo senza vita di una giovane, ossia i Docks londinesi, all’alba degli anni Ottanta rifugio di tossici e piccoli delinquenti. Eppure, Mal avverte che oltre le apparenze si nasconde qualcosa di strano, e… Intenso.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.