“Celeste, la bella”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Quando il vento finalmente cessò, l’estate tornò prepotente a tormentare gli abitanti di Pisticci…

Celeste, la bella, Francesca Maffei, Giovane Holden. Nella seconda metà del diciannovesimo secolo, in un’Italia unita da poco e in un meridione flagellato dal brigantaggio, che incarnava però le rivendicazioni di chi si sentiva passato da un padrone all’altro, inascoltato e incompreso, soggiogato e vessato da un grappolo di norme applicate senza preoccuparsi delle specificità di un territorio storicamente munto come la più produttiva delle mucche da latte, Francesco torna nel paese natio, abbandonato da tempo, laddove avrebbe dovuto seguire le orme del padre e dello zio, entrambi speziali, gestendo l’esercizio di famiglia, perché non può fare altrimenti, in quanto il genitore, con cui è in conflitto, ma ha l’onestà di ammettere anche le proprie colpe, sta morendo. Nelle mani del padre vede però una miniatura, che lo riporta a un…

View original post 28 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.