“Croce e testa”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

È taciturno, non so cosa pensa…

Croce e testa, Michele Visconti, Giovane Holden. Paolo è il figlio perfetto, il fratello perfetto, è un uomo serio, solido, affidabile, ha una vita regolare, un buon lavoro, una famiglia. D’un tratto però scompare. Viene da pensare che si tratti di un allontanamento volontario, ma non c’è un tassello che combaci alla perfezione, dissipando del tutto i dubbi. Così, a indagare, è in primo luogo Roberto, il fratello di Paolo, quello dall’esistenza vacua e superficiale, tornato a vivere dai suoi e dedito più che altro agli incontri occasionali. Si sa, però, che nulla è più profondo della superficie, e… Intrigante e magnetico.

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.