“Il vizio delle cose pure”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Non c’erano cose per cui lottare…

Il vizio delle cose pure, Simone Pangia, Giovane Holden. Splendido sin dalla copertina, il romanzo di Simone Pangia, lirico, potente, elegante, raffinato, suadente, intrigante e magnetico, torbidamente aggraziato, ricco di livelli di lettura e di chiavi di interpretazione, finanche meta letterari, racconta la storia di Ferdinand, un pediatra in pensione che vive in una signorile magione che si affaccia sul golfo di Napoli e che torna indietro con la memoria fino a indagare i più oscuri e sottovalutati meandri del suo passato alla ricerca di una spiegazione per la scomparsa del tormentato gemello, Louis, svanito nel nulla da un quarto di secolo in circostanze più che misteriose. Ma a chi racconta questa storia? E che cosa rappresenta davvero il manoscritto ritrovato per caso, vergato di proprio pugno da Louis, Il vizio delle cose pure, un romanzo il cui…

View original post 16 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.