“Creature”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Sono io che a volte rimango seduta in soggiorno con una candela accesa. Attendo lì ferma fino a che non si consuma del tutto con la speranza che i miei figli vedano la luce e tornino da me. Ma finora non ha funzionato.

Creature, Andrea Mambretti, Giovane Holden. Giovane ingegnere dalla vita tutto sommato anonima e tranquilla, Sergio Maletti una sera, in un locale della movida milanese, incontra Mara, bellissima, sensuale, sola al mondo, o almeno così dice. L’amore è talmente travolgente che nel giro di pochissimi mesi si sposano: ed è lì che iniziano i problemi, tanto che Sergio piomba in breve tempo in un vortice di misteri, tensioni, ossessioni. Tuttavia… Intrigante.

View original post