“Il disagio”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Hai vissuto in troppi posti diversi e adesso ti sei frammentata?

Il disagio, Alessandro Gobbicchi, Giovane Holden. In questo romanzo corale dal titolo che non avrebbe potuto essere più azzeccato per raccontare la nostra età e i nostri comportamenti, la realtà contemporanea sempre più rabbiosa, invidiosa, complessa, articolata, contraddittoria e precaria viene dipanata in tutta la sua policromia raccontando le variegate interazioni tra diversi personaggi, tutti credibili e ben caratterizzati. Bruno M., voce narrante della storia, nato all’ombra della Mole ma trapiantato a Roma, è uno squattrinato professore a contratto, impegnato nella stesura di un romanzo e in una relazione complicata con una ragazza che ama più di sé l’ambiente, e che cerca pertanto il suo posto nel mondo. Brenno, invece, cresciuto in provincia, difende strenuamente le tradizioni, anche quelle che definiscono la struttura dell’ordine costituito, mentre Silvia, sua moglie, ha conosciuto la Torino degli scioperi…

View original post 47 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.