“La morte mi fa ridere”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

C’è un’ombra d’irreale, una dolcezza stanca, immagine fuggente di qualcosa perduta per sempre…

La morte mi fa ridere, Ferdinando Balzarro, Giovane Holden. A Hollywood ti fa bella, nelle pagine di questo romanzo fa ridere la voce che in prima persona pronuncia il titolo: il soggetto è sempre lei, la morte, l’inesorabile falciatrice che di norma, invece, fa paura, tanto che si cerca quasi sempre di fuggirla in ogni modo e maniera, rimanendo invece con inusitata pertinacia aggrappati all’esistenza. Ma quando invece la si ricerca, se non la si teme, se la si desidera, sia a livello conscio che non, è perché la vita sgomenta e atterrisce: del resto, lo scempio che l’uomo fa del pianeta ne è una delle prove più concrete. Il protagonista del romanzo è un avventuriero con un’idiosincrasia conclamata per tutto e tutti, a eccezione dei suoi cani, che lo accompagnano ovunque, anche…

View original post 18 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.