“Euridice per sempre”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Euridice per sempre, Gaetano Cinque, Giovane Holden. Orfeo, cantore amato e benedetto dagli dei, capace persino di ammansire le belve più feroci, ha perduto la sua amata, la splendida driade Euridice, fatalmente sprofondata nel regno dei morti appena prima delle nozze. Straziato, decide di riportarla indietro dall’Ade, ma… Appassionato, allegorico, originale pur nel solco classico della tradizione: un romanzo compiuto e pieno di suggestioni.

View original post

“Te-fa-min”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Te-fa-min, Gianni Iotti, Giovane Holden. Sullo sfondo vagamente tratteggiato di una provincia padana degli anni Settanta, tra tensioni sociali e consumismo rampante, Nino, all’ombra di un padre ossessionato dalla morte, affronta l’avventura del crescere mentre i ricordi del passato gli opprimono il cuore e ottundono la mente: lungo e complicato si prospetta dunque il suo percorso di liberazione, che imbocca una decisiva svolta quando si trasferisce per l’università a Venezia, acquisisce una coscienza politica e comincia ad approcciarsi in modo meno infantile all’altro sesso. Ma… Intenso.

View original post

“Tre interrogatori”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Tre interrogatori, Leonardo Nanna, Giovane Holden. Non capita certo, e anche per fortuna, tutti i giorni che uno scrittore di fama internazionale e amatissimo dai media come Doroni sia brutalmente ucciso pugnalato alle spalle con un punteruolo da ghiaccio nel proprio studio nel corso di una festa privata, con ogni probabilità non priva del canonico corredo di droghe ed escort organizzata nella sua villa sulle colline pisane. Il vicequestore Amendola si rende subito conto pertanto che è impossibile affrontare l’indagine nel modo tradizionale, e… Intrigante e avvincente.

View original post

“L’eredità di Gregor”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

L’eredità di Gregor, C. P. Mastroberti, Giovane Holden. Da quando si è svegliato scarafaggio, per Gregor Samsa di acqua ne è passata assai sotto i ponti, e la sua famiglia, costretta anche dalla forza stessa della vita, è andata avanti. Sua sorella Grete ha sposato un commerciante di Praga e trascorre una tranquilla, forse anche troppo, quotidianità, e la vecchia casa è stata abbandonata: con essa tutto ciò che la riguardava, tanto che addirittura in merito all’evento che ha mutato ogni cosa sorgono alle soglie della sua coscienza dubbi inquietanti… Potente, profondo e filosofico, da leggere.

View original post

“Le forme del silenzio”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Le forme del silenzio, Agata De Luca, Giovane Holden. Non è che una lieve e vaga sensazione quella che avverte Mal Dorison, criminologa italiana trapiantata in Inghilterra, quando osserva la scena in apparenza del tutto usuale su cui fa terribile mostra di sé il corpo senza vita di una giovane, ossia i Docks londinesi, all’alba degli anni Ottanta rifugio di tossici e piccoli delinquenti. Eppure, Mal avverte che oltre le apparenze si nasconde qualcosa di strano, e… Intenso.

View original post

“Io e il generale”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Io e il generale, Paolo Petrocelli, Giovane Holden. Il diciassette di marzo del milleottocentosettantuno, più o meno negli stessi istanti in cui la Russia zarista, finalmente, abolisce la servitù della gleba, di sette stati se ne fa uno con una bandiera sola, l’Italia. Il romanzo, ambientato in meridione nei momenti immediatamente successivi all’epocale svolta, racconta la storia di Giovanni, un giovane che cerca orizzonti più ampi per il suo avvenire, ma una cartolina di leva obbligatoria disattesa a causa di un disguido, proprio quando sembrava in procinto di cominciare davvero la sua nuova vita, lo costringe alla fuga, nel contesto opprimente dell’incombente guerra civile tra Savoia e briganti… Intenso, vibrante, stimolante.

View original post

“Bella e la vita”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Bella e la vita, Francesca Leonzio, Giovane Holden. Una ragazza come tante che si affaccia al mondo che ha ancora tutto da scoprire in compagnia di un amico, un gatto e una presenza discreta e incorporea, una sorta di angelo che rimanda a una dimensione mistica, onirica ma anche spirituale e letteraria insieme, mentre Bella è agitata da un desiderio di condivisione, sperimentazione e solidarietà: da leggere.

View original post

“Un gioco di specchi”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Un gioco di specchi, Elisabetta Innocenti, Giovane Holden. Raccolta di racconti in cui si narrano vicende alternando i punti di vista dei protagonisti, che tramite le loro differenze compongono ciascuno per la sua parte il caleidoscopio della verità, universale proprio perché fatta di innumerevoli particolari, Un gioco di specchi, con abile stile, indaga, valicando i confini dei generi, la condizione umana in tutti i suoi colori e sapori, tra ripetizioni, agnizioni, e corrispondenze, l’amore, la fedeltà o il tradimento, così come l’accettazione o la ribellione verso le convenzioni sociali. Da leggere.

View original post

“Un gioco di specchi”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Un gioco di specchi, Elisabetta Innocenti, Giovane Holden. Raccolta di racconti in cui si narrano vicende alternando i punti di vista dei protagonisti, che tramite le loro differenze compongono ciascuno per la sua parte il caleidoscopio della verità, universale proprio perché fatta di innumerevoli particolari, Un gioco di specchi, con abile stile, indaga, valicando i confini dei generi, la condizione umana in tutti i suoi colori e sapori, tra ripetizioni, agnizioni, e corrispondenze, l’amore, la fedeltà o il tradimento, così come l’accettazione o la ribellione verso le convenzioni sociali. Da leggere.

View original post

“Vertigine grigia”

Convenzionali

di Gabriele Ottaviani

Vertigine grigia, Alfredo Mirandola, Giovane Holden. In una anomala clinica psichiatrica, gestita con metodi all’avanguardia dal professor Romalinda, si intrecciano le vicende di due pazienti, un sessantenne ex scrittore affetto da psicosi e un trentenne che ha l’anima sconquassata da un terribile disturbo da stress post traumatico, a seguito di un incidente di cui si sente responsabile. Incapace di affidarsi ai medici, tormentato da una misterica figura grigia che lo chiama a sé, non risponde ad alcuna terapia tradizionale. Ma… Trascinante.

View original post